RIFORMA DEL TERZO SETTORE

La legge delega n.106/2016 di Riforma del Terzo Settore prevede il riordino e la revisione della disciplina del
Terzo settore, attraverso dei decreti legislativi e prevedendo l’introduzione del primo Codice del Terzo
Settore per il coordinamento di tutte le disposizioni sulla materia.

 

Il Governo, in attuazione della delega, ha emanato nel corso del 2017 cinque decreti di attuazione dei
princìpi della legge delega:
DPR 28 luglio 2017 Approvazione Statuto Fondazione Italia Sociale;
D.lgs 40/17 Disciplina Servizio Civile Universale;
D.lgs 111/17 Disciplina del Cinque per Mille;
D.lgs 112/17 Disciplina dell’Impresa Sociale;
D.lgs 117/17 Codice Terzo Settore.

 

Il D.lgs 117/17 riforma e riorganizza definitivamente il sistema del Terzo settore, introducendo il Registro
Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) e definendo gli Enti del Terzo Settore (ETS), che diventano tali
solo attraverso l’iscrizione nel RUNTS.
Le principali novità introdotte dalla Riforma:

 

 

Nasce Registro Unico ETS (RUNTS) e qualifica ETS
Nacono Reti associative e Enti benefici mentre vengono abrogate le ONLUS
Vengono disciplinati Libri sociali obbligatori e altre regole gestionali dell’associazionismo
Vengono previsti dei meccanismi finanziari per gli ETS (Titoli di solidarietà – Social lending)
Vengono disciplinate in modo organico le attività commerciali e le agevolazioni fiscali introducendo i nuovi regimi forfetari
Viene disciplinata l’attività di volontariato trasversalmente in tutti gli ETS